Governance

Consiglio di Amministrazione

Il Consiglio di Amministrazione di Italia Independent Group in carica è stato nominato dall’Assemblea del 8 aprile 2019 e rimarrà in carica sino all’approvazione del bilancio di esercizio chiuso al 31 dicembre 2021.

In data 18 Ottobre 2019 il consiglio di Amministrazione di Italia Independent Group S.p.A. si è riunito e ha cooptato nel consiglio di amministrazione e nominato Marco Cordeddu amministratore delegato della Società.

Successivamente l’Assemblea del 30 aprile 2021 ha confermato il mandato di consigliere e amministrato delegato del Dott. Cordeddu, stabilendo la scadenza, come per tutti gli altri amministratori attualmente in carica, alla data dell’Assemblea convocata per l’approvazione del bilancio al 31 dicembre 2021.

I componenti del Consiglio di Amministrazione sono:
– Lapo Edovard Elkann – Presidente consiglio di amministrazione
– Marco Cordeddu– Amministratore Delegato
– Giovanna Maria Dossena – Consigliera
– Gianluca Ferrero – Consigliere(*)
– Francesca Masiero – Consigliera
(*) Amministratore in possesso dei requisiti di indipendenza previsti dall’articolo 148, comma 3, del D. Lgs. 58/98.

Collegio Sindacale

Il Collegio Sindacale in carica è stato nominato dall’Assemblea del 8 aprile 2019 e rimarrà in carica fino all’approvazione del bilancio d’esercizio al 31 dicembre 2021. I componenti del Collegio Sindacale sono:
– Roberto Spada – Presidente
– Elisabetta Riscossa – Sindaco effettivo
– Maria Giovanna Volpe – Sindaco effettivo
– Cristiano Proserpio – Sindaco supplente
– Margherita Spaliviero – Sindaco supplente

Corporate Governance

Italia Independent Group S.p.A. ha applicato al proprio sistema di governo societario alcune disposizioni volte a favorire la trasparenza e la tutela delle minoranze azionarie. In particolare l’Emittente ha:

– previsto statutariamente il voto di lista per l’elezione del Consiglio di Amministrazione prevedendo, altresì, che hanno diritto di presentare liste gli azionisti che da soli o insieme ad altri azionisti siano complessivamente titolari di Azioni rappresentanti almeno il 5% del capitale sociale avente diritto di voto nell’Assemblea Ordinaria;
– previsto statutariamente che, a partire dal momento in cui le Azioni fossero negoziate sull’AIM, si rendono applicabili per richiamo volontario ed in quanto compatibili le disposizioni relative alle società quotate di cui al Testo Unico della Finanza, limitatamente agli articoli 106, 107, 108, 109 e 111 nonché alle disposizioni regolamentari applicabili in materia di offerta pubblica di acquisto e di scambio obbligatoria;
– previsto statutariamente un obbligo di comunicazione da parte degli azionisti al superamento di una partecipazione pari almeno al 5% e di tutte le variazioni, in aumento o in diminuzione, rispetto alle seguenti soglie del 5%, 10%, 15%, 20%, 25%, 30%, 35%, 40%, 45%, 50%, 66,6%, 75%, 90% e 95%;
– nominato l’Investor Relations;
– approvato le procedure in materia di operazioni con parti correlate, di comunicazione delle informazioni privilegiate e di internal dealing.”
– approvato il Codice Etico

Menu